Villa Luigina

Perla settecentesca della collina torinese aperta per eventi culturali, aziendali, congressi, ricevimenti e matrimoni

Comune:CHIERI
Regione: Piemonte e Valle d'Aosta
villa luigina 3
villa luigina chieri 2
villa luigina eventi
villa luigina cornice
villa luigina 5
villa luigina 4
villa luigina

Contatta la dimora

Villa storica sulle colline di Chieri

Vera e propria perla della collina torinese Villa Luigina nasce come casa di villeggiatura o casino di caccia della famiglia chierese Tana di Santena. Ricostruita nel 1737 dai Gesuiti del Collegio di Chieri, sempre come casa di campagna, viene intitolata a San Luigi Gonzaga figlio di Marta Tana di Santena e Ferrante Gonzaga di Castiglione delle Stiviere. La Villa si colloca in posizione panoramica sulle colline chieresi che il Tasso aveva paragonato a quelle senesi.

La storia

Le prime notizie risalgono al 1586 quando Ercole Tana di Chieri dei Signori di Santena dichiara, tra le sue molte proprietà, di possedere un fabbricato alle fini di Chieri in regione Moglia. Il fabbricato risulta appartenere al ramo comitale della famiglia Tana per tutto il XVII secolo. Nel 1689 il Conte Maurizio Amedeo Tana di Santena sposa la Marchesa francese Jeanne de Montboissier-Beaufort-Canillac trasferendosi in Francia e prestando servizio nell'esercito di Luigi XIV. Un comportamento che viene interpretato come un tradimento da parte del Duca Vittorio Amedeo II che pertanto decide di punire il Conte espropriando le sue proprietà ed in particolare " il Palazzo e la cassina alle fini di Chieri il 23 settembre 1694” oltre che “il palazzo nella città di Chieri” il 9 Ottobre 1694.

Ne segue un periodo di probabile abbandono fino al 1735 quando Carlo Alessandro Broglia de Gribaldenghi e Giuseppe Maria Taricco, entrambi Gesuiti del Collegio di Chieri, ne acquistano i ruderi. La villa viene ricostruita nel 1737 ad opera di maestri luganesi. La documentazione planimetrica è presente nell'Archivio Storico di Torino tra i documenti dell' Architetto Mario Ludovico Quarini. La presenza di tale documentazione unitamente all'utilizzo di mastri da muro attivi in altri sui cantieri, porterebbe verosimilmente a considerare Bernardo Vittone come architetto progettista.

Soppressa l'antica Compagnia di Gesù, durante il periodo napoleonico la villa viene venduta a famiglie private, di cui si ricordano i Mestiatis di Graglia, il cavalier Antonio Porporati, le sorelle Galleani di Canelli, la contessa Ceppi di Bajrols, che si avvicendano nella proprietà. Nel 1886 la Villa viene riacquistata dai Gesuiti. Ricorda Alessandro Monti SJ nel suo libro sulla storia dei Gesuiti: “Chiuse felicemente il 1886 l'acquisto fatto dell´antica villeggiatura detta La Luigina, posta in bellissima posizione sulle colline circostanti Chieri, ombreggiata da alberi e vagamente adorna di verde e di fiori…”

Importanti opere di ristrutturazione vengono realizzate tra il 1936 ed il 1938. I gesuiti lasciano nuovamente la Villa nel 1972.

Il restauro e la valorizzazione

Dopo un periodo di abbandono essa viene acquistata dalla madre degli attuali proprietari che ne hanno curato il restauro e la valorizzazione. Recentemente il complesso della Villa Luigina è stato dichiarato di interesse artistico e storico particolarmente importante con decreto del Segretario regionale del Ministero della Cultura per il Piemonte / Presidente della Commissione regionale per il patrimonio culturale del Piemonte.

Eventi culturali, matrimoni, congressi

Villa Luigina è una location di charme vicino Torino per eventi culturali, eventi aziendali, congressi, ricevimenti e matrimoni.

Altre dimore nella regione

Con gli stessi servizi

Servizi

Parco giardino
Set esterni
Set interni
Set giardino