Villa Iachia

villa iachia parco  - dimore storiche italiane

Villa Iachia è la meta ideale per chi ricerca un modo nuovo di fare vacanza in Friuli Venezia Giulia, che coniuga il piacere della tranquillità in una residenza storica nella campagna friulana con il desiderio di esplorare e di conoscere luoghi, persone, culture.

L’antica dimora è baricentrica rispetto alle più belle località del Friuli Venezia Giulia, sia quelle di interesse naturalistico e paesaggistico che storico-artistico, sia enogastronomico che sportivo.

Situata a pochi minuti di auto dall’aeroporto di Trieste-Ronchi dei Legionari, da Villa Iachia tutto è a portata di pochi chilometri: ad esempio le spiagge di Grado, il parco archeologico di Aquileia, la storia di Palmanova e Cividale del Friuli le colline e le aziende vitivinicole del Collio, i percorsi della Grande Guerra sul Carso, le oasi naturalistiche e faunistiche delle foci dell’Isonzo e di Marano Lagunare, le Alpi Giulie.

Anche Trieste, Venezia e la vicina Slovenia, con i suoi casinò, sono facilmente raggiungibili.

Ma il piacere di tornare alla Villa, sarà quello di immergersi in un’oasi di tranquillità e silenzio e in seducenti atmosfere del passato.

La Villa è rimasta esattamente com’era in passato, con i suoi interni originali, gli arredi, la luce e i profumi di una volta.

in questo contesto sarà davvero piacevole fare un bagno in piscina e poi rilassarsi nella Casaccia o passeggiare nel grande parco secolare.

Una location esclusiva per trascorrere le vacanze, celebrare matrimoni come anche organizzare eventi in una villa storica


villa iachia slide1  - dimore storiche italiane

Villa Iachia è una dimora storica fondata nel XVIII secolo, tra il 1870 e il 1880 Giacomo Davide Iachia fondò un’azienda agricola modello che divenne una delle più importanti della zona.

L’azienda si estendeva dalle terre di Ruda fino a quelle di Aquileia, Campolongo al Torre e Fiumicello, dalle quali produceva vino, frutta e ortaggi, barbabietole da zucchero e, in seguito, anche tabacco, destinati a Trieste e al mercato istriano.

La maggior parte delle terre dell’azienda venne distrutta durante la Grande Guerra, quando la Villa fu trasformata in un ospedale da campo, ma la grande forza di volontà di Giacomo Iachia nel ripristino dell’attività gli valsero la medaglia d’oro concessa nel 1922 dal Comitato Provinciale per il risorgimento del Goriziano nel concorso per la ricostruzione delle zone danneggiate.

La famiglia Iachia, proprietaria della Villa da più di duecento anni, giunse a Trieste verso la fine del ‘700 e faceva parte dell’alta borghesia produttiva della città.

Giacomo Iachia (1884-1960) sposò  Jole Vivante (1895-1970), l’ultimogenita di Giuseppe Vivante e Natalia Schmitz, sorella del celebre scrittore Italo Svevo.

La coppia si stabilì a Palazzo Vivante (ex Palazzo Corti), dove nel 1918 Emanuele Filiberto Duca d’Aosta aveva posto il comando della Terza Armata, utilizzando Villa Iachia come dimora di campagna.

Nel 1940 l’azienda era divisa in quindici colonie a mezzadria e si estendeva per circa 200 ettari. La produzione media dell’azienda era di 700 quintali di vino, 1200 di frumento, 2000 di granoturco, 40.000 piante di tabacco del Kentucky, 2000 di bietole e 200 di pesche, che valsero numerosi premi di qualità.

I restanti campi erano trasformati in prati artificiali a rotazione e venivano allevati anche bachi da seta.

Durante la Seconda guerra mondiale la famiglia Iachia, come tante altre di origini ebraiche, dovette fuggire da Trieste.

Palazzo Vivante divenne presidio prima dei fascisti, poi delle truppe naziste, infine venne pesantemente rimaneggiato dai bombardamenti.

Due fratelli di Jole morirono nella risiera di San Sabba nel 1943, mentre i figli e i nipoti in parte si unirono ai partigiani e in parte fuggirono in Svizzera. L’azienda agricola Iachia fu requisita allo stesso modo dalle truppe tedesche, subendo furti e confische.

A guerra finita, la famiglia decise di lasciare definitivamente Trieste, per trasferirsi a Bologna.

L’azienda agricola subì un forte ridimensionamento: durante gli anni sessanta vennero sospese le ultime coltivazioni e la conduzione dei campi a mezzadria; gli ultimi coloni ricevettero come buona uscita la casa in cui vivevano.

Gino Giuseppe Iachia, alla morte dei genitori, fece restaurare alcuni rustici dell’azienda e per un certo periodo si dedicò alla coltivazione e vendita di alberi natalizi.


iachia evento  - dimore storiche italiane

Matrimoni: da 1.500 a 3.000 Euro
Eventi aziendali: da 500 Euro
Eventi vari: da 500 Euro

 


Servizi Offerti :
Soggiorni Brevi
Weekend
Vacanze
Location Eventi Aziendali
Location Eventi Privati
Location Eventi Culturali
Location Matrimoni
Location Set Cinematografici
Visite Culturali

Caratteristiche Generali

  • Piscina :
  • Wellness SPA :
  • Accessibilità Disabili :
  • Internet :
  • Animali ammessi :
  • Parco o Giardino :

Ospitalità

  • Numero Camere : 5
  • Posti Letto : 11
  • Prezzo Dimora al giorno : Dato n.d.
  • Prezzo Dimora a settimana : Dato n.d.
  • Prezzo camera al giorno : 120€
  • Prezzo camera a settimana : Dato n.d.

Eventi e Matrimoni

  • Saloni : 3
  • Posti a sedere : Dato n.d.

Set Cinematografici

  • Set in Esterni :
  • Set in Interni :
  • Set in Giardino :
  • Set in Piscina :
  • Acessibilità Mezzi :

Visite

  • Costo Biglietto : 5€
  • Giorni : Lun,Mar,Mer,Gio,Ven,Sab,Dom
  • Orari : Dato n.d.
  • Bookshop :
  • Visita con Guida :
Villa Iachia

Regione : Friuli Venezia Giulia

Provincia : UD

Comune : Ruda

Indirizzo : via aquileia, 2

C.A.P. : 33050

Info

Responsabile: Andrea Iachia

Luoghi d’interesse nelle vicinanze:

Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo


Vuoi Contattare la dimora? compila il form con le informazioni richieste (nessuna commissione è prevista dalla prenotazione tramite questo sito)

villa iachia viale  - dimore storiche italiane

“Ho avuto la possibilità di visitare questa Villa in occasione di un meeting. La dimora è di facile accesso ed la si può raggiungere in pochi minuti siccome dista solo alcuni chilometri dallo svincolo autostradale. Siamo stati accolti dal proprietario di casa il sig. Andrea il quale dopo averci fatto accomodare ci ha offerto immediatamente un buon caffè. Veramente un’ ottima accoglienza. Al termine della riunione il sig. Andrea ci ha proposto una breve visita all’interno della Villa. Personalmente in passato ho visitato altre ville in giro per il Friuli ma Villa Iachia mi ha piacevolmente sorpreso: appena si entra è come fare un tuffo nel passato, oltre ai numerosi documenti inerenti alla Villa di notevole interesse storico appesi sulle pareti, sono presenti molti oggetti di un tempo, incluse delle carrozze! Molto interessante anche la cantina, infatti ai suoi lati sono presenti ancora le botti usate un tempo per contenere il vino. Il proprietario inoltre ci ha anticipato che in un futuro prossimo allestiranno anche un piccolo “museo” con oggetti, mobili, capi d’abbigliamento storici in loro possesso. Concludo dicendo che Villa Iachia è una residenza “rustica”, in perfetto stile friulano, molto curata fino nei minimi particolari e di classe, per questo adatta a matrimoni ed a ogni genere di evento.”

“Villa Iachia è una dimora storica davvero affascinante, dotata di ambienti interni antichi e ricchi di storia, nonché di un bellissimo e vastissimo parco. Particolarmente bella la Cantina Originale, che mantiene intatte le sue antiche caratteristiche, come il pavimento in terra battuta e le botti artigianali. .”

 “Villa Iachia è una dimora da visitare assolutamente. I proprietari della villa sono molto cortesi e disponibili e la dimora è un posto affascinante. Il suo parco è pieno di tutte le piante ed è anche ben curato. All’interno della villa è possibile invece osservare documenti storici appesi sulle pareti e anche vari oggetti storici appartenuti alla famiglia”


Hai Visitato la Dimora? compila il form e facci avere un tuo commento

Scopri le più belle Dimore nelle vicinanze

  • Siena, dal ‘200 al ‘400 La Collezione Salini

    Dal 15 giugno al 15 settembre i Magazzini del Sale di Palazzo Pubblico ospiteranno la collezione Salini, una raccolta di opere d’arte senesi davvero eccezionale, circa 150 “pezzi” tra dipinti, sculture, oreficerie e maioliche verranno presentati nei suggestivi locali dei Magazzini per ricreare lo stile e l’atmosfera del Castello di Gallico. - [...]
    Vai alla News
  • Giornata Nazionale dell’A.D.S.I. – 21 maggio 2017

    Roma, 16 maggio 2017 – Torna domenica 21 maggio 2017 la Giornata Nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane: l’iniziativa annuale promossa da A.D.S.I. apre gratuitamente circa 300 splendide residenze d’epoca, castelli, ville, casali, cortili e giardini in tutt’Italia a centinaia di migliaia di visitatori italiani e stranieri.Per celebrare i 40 anni di - [...]
    Vai alla News
  • Cantine aperte in Dimore Storiche

    Il 27 e il 28 maggio, in occasione dell’annuale manifestazione “Cantine Aperte 2017”, promossa dal Movimento del Turismo del Vino, l’Associazione Dimore Storiche Italiane sarà rappresentata da circa 30 aziende vitivinicole consociate. La campagna italiana che circonda numerose dimore storiche è ancora quella dei paesaggi di tante pitture rinascimentali; castelli, cascine, ville e masserie faranno da cornice all’esperienza della scoperta di una produzione vitivinicola di - [...]
    Vai alla News
  • Il Grand Tour per Dimore Storiche a Vinitaly

    Verona, 9-12 aprile 2017 – Anche quest’anno ADSI - Associazione Dimore Storiche Italiane è stata presente all'appuntamento di Vinitaly a Verona, a testimonianza del suo crescente impegno nel sostenere la grande tradizione vitivinicola italiana.La partecipazione di soci ADSI alla manifestazione è infatti sempre più numerosa: sono 54 le tenute storiche con cantina che - [...]
    Vai alla News
  • Dimore Storiche nei cieli del mondo con Alitalia

    10 Dimore ADSI sono state citate in 7 pagine del magazine Ulisse di Alitalia con ampi spazi di redazionale dedicati al nostro Grand Tour per un ideale giro d'Italia, dove unire cultura, bellezza e un soggiorno all'insegna della qualità e del saper vivere. Altre dimore nei prossimi numeri.Leggi l'articolo - [...]
    Vai alla News