Lago di Garda

Lago di Garda

Lago di Garda

Il lago di Garda è il maggiore lago italiano e vanta una superficie di circa 370 kmq che si estende su tre regioni, la Lombardia, il Veneto  e il  Trentino-Alto Adige.  A nord si presenta ha una forma stretta ad imbuto mentre a sud si allarga ed è  circondato da colline moreniche che rendono  il paesaggio più dolce.

Nel lago sono presenti cinque isole di piccole  dimensioni. La più grande è l’isola del Garda, sulla quale  nel 1220  San Francesco d’Assisi fondò un monastero, successivamente soppresso nel Settecento,e su cui oggi sorge un palazzo ottocentesco in stile neogotico veneziano. La seconda isola per dimensioni è l’isola di San Biagio, conosciuta come  “dei Conigli” in virtù del fatto che nel XVI secolo vi erano un gran numero di  lepri e conigli tra la fauna locale.  Essendo breve distanza dalla costa, nei periodi di secca è raggiungibile a piedi.

Lungo la riva orientale si trovano altre tre isole, l’isola degli Olivi, l’isola del Sogno, anch’essa nei periodi di secca raggiungibile a piedi dalla costa, e  l’isola del Trimelone.

Già a partire dell’epoca romana erano presenti sulle sponde del lago magnifiche ville concepite come luoghi dedicati al relax, in virtù della straordinaria naturalezza del luogo. In particolare Sirmione era luogo privilegiato per la presenza di sorgenti sulfuree , difatti qui si trovano i resti archeologici di una tre le più importanti testimonianze romane sul lago, una villa romana nota come Grotte di Catullo.

A partire dal Rinascimento le sponde tornarono a popolarsi di ville nobili, vissute come insediamenti urbani da contrapporsi alla campagna,  e rendendo il lago meta di un turismo di élite.

Il turismo come viene concepito oggi  si sviluppò a partire dalla fine dell’Ottocento, pur trattandosi ancora  di un turismo elitario. Una delle prime località turistiche è stata Gardone Riviera, dove Luigi Wimmer, innamorato del luogo, edificò un piccolo albergo che, ampliato nel tempo, divenne uno degli edifici che costituivano il  Grand Hotel Gardone Riviera. Allesue prossimità sorsero successivamente  altri piccoli alberghi e ville e, dopo che Gabriele d’Annunzio fece qui costruire il Vittoriale degli Italiani, la fama del luogo si arricchì ulteriormente.

Dal secondo dopoguerra il turismo ha avuto una  trasformazione significativa, affiancandosi ad  un turismo con permanenza lunga, il cosiddetto  turismo “mordi e fuggi”;  soste brevi, per il solo fine settimana o addirittura per poche ore.  Entrambi i tipo di turismo hanno originato cambiamenti notevoli nell’organizzazione del territorio e dei centri abitati.

Negli ultimi anni ha inoltre preso piede un turismo di tipo escursionistico, per il quale sono stati realizzati adeguate infrastrutture ed uno straordinario “turismo del divertimento”, grazie alla realizzazione di importanti parchi a tema, come Gardaland, il più visitato parco di divertimenti italiano.

Scopri le più belle Dimore nelle vicinanze

  • Mapei sostiene le Dimore Storiche Italiane

    Mapei, leader mondiale nella produzione di adesivi e prodotti chimici per l'edilizia, sostiene l'Associazione Dimore Storiche Italiane, confermando l'impegno verso la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale della Nazione. Un impegno che vede la Mapei attiva sia attraverso il sostegno economico che con la continua ricerca scientifica: l'azienda da tempo ha messo a punto una linea di prodotti specificamente studiati per il restauro di edifici - [...]
    Vai alla News
  • Dimore Storiche nei cieli del mondo con Alitalia

    10 Dimore ADSI sono state citate in 7 pagine del magazine Ulisse di Alitalia con ampi spazi di redazionale dedicati al nostro Grand Tour per un ideale giro d'Italia, dove unire cultura, bellezza e un soggiorno all'insegna della qualità e del saper vivere. Altre dimore nei prossimi numeri.Leggi l'articolo - [...]
    Vai alla News
  • Giornate Nazionali ADSI

    Roma– Si sono svolte sabato 21 e domenica 22 maggio 2016 le Giornate Nazionali A.D.S.I.: la sesta edizione dell’iniziativa annuale promossa dall’Associazione delle Dimore Storiche Italiane ha aperto quest’anno al grande pubblico oltre 250 fra le più affascinanti residenze d’epoca italiane. Obiettivo della manifestazione, che coinvolge ogni anno decine di migliaia di visitatori, è sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della conservazione dei beni culturali privati soggetti a vincolo, che rappresentano una parte molto rilevante del patrimonio storico-architettonico italiano la cui custodia e manutenzione è - [...]
    Vai alla News
  • Grand Tour per Dimore Storiche a Vinitaly

    Verona: Vinitaly dal 10 al 13 aprile 2016 30,5 milioni di bottiglie e 15000 ettari di paesaggio intatto hanno rappresentato l’Associazione Dimore Storiche Italiane attraverso la presenza di 43 Cantine di Soci proprietari di immobili storici confermando il ruolo economico e culturale della città di Verona nel mondo del vino.Come gli Chateaux francesi, le Dimore Storiche Italiane, sedi di grandi proprietà agricole, rappresentano veri e propri presidi del territorio. - [...]
    Vai alla News